Annullamento d’ufficio di un titolo edilizio

urbanistica

Riguardo il caso

Può essere difficile credere che si possa lasciare in piedi un edificio che non avrebbe dovuto essere costruito o che sia stato costruito in violazione delle regole urbanistiche, ma devi sapere che l'annullamento d'ufficio di un titolo edilizio in sanatoria, quando emesso a distanza di anni, deve essere adeguatamente motivato.
Settore PraticatoUrbanistica

 La giurisprudenza amministrativa formatasi in materia trova il suo punto d’arrivo nella pronuncia dell’Adunanza Plenaria del Consiglio di Stato (sent. n. 8/2017).

In un gioco strano, quasi ciclico, fatto di abusi, aspettative e sanatorie,  lo Stato, a determinate condizioni, riconosce al cittadino il diritto conseguito in base ad un titolo in sanatoria, di mantenere l’edificazione dove, come e quando ha scelto; e ciò non solo, come pur si potrebbe pensare, perché sono stati incamerati oneri di urbanizzazione che spesso superano le entrate derivanti dal pagamento delle oblazioni versate per le pratiche edilizie ordinarie, ma perché, quando il potere amministrativo esercitato a distanza di considerevole tempo, non può prescindere dalla sussistenza di un attuale e concreto interesse pubblico alla rimozione del titolo sanante rilasciato a fronte del legittimo affidamento del privato.

Leggi qui la sanatoria completa.

Related Posts

GDPR